sabato 3 marzo 2018

Anche noi siamo anti-fascisti ma soprattutto anti-Troika



Pavia, antifascisti "marchiati" con adesivo sulla porta di casa. La reazione dei sindaci: "Vergognoso"

Ci fa veramente piacere questa nuova ondata di anti-fascismo. Vogliamo solo ricordare che la nostra amata Costituzione è stata scippata da una partitocrazia vergognosa che ha regalato il Paese, senza uno straccio di referendum, al nazismo economico tedesco, alla maledetta Troika continentale, espressione massima del dilagante mondialismo. 

Non ci basta un anti-fascismo di facciata, no di certo. Vorremmo la stessa, ferma, condanna verso il mondialismo di marca nazista che sta opprimendo il mondo e l'Italia stessa. 

Uomini e donne di sinistra di casa nostra sono pregati di rivolgere la stessa, ferma, condanna e le proteste veementi di piazza contro lo scippo della Costituzione perpetrato dai partiti a danno di tutti gli Italiani, di destra o sinistra che siano. 

La vera dittatura è già qui. Ed è questa che dobbiamo combattere prima di tutto e tutti. E, purtroppo, i tre principali partiti che si contendono la vittoria finale alle prossime elezioni, sono, chi più chi meno, a favore della Troika e degli amichetti di frau Merkel, TUTTI. 

Andare a votare, stavolta, con la legge truffa che ci ritroviamo, è semplicemente complicità con i dittatori che occupano il Paese. Il nostro voto sarà/sarebbe, semplicemente un atto di convalida della truffa che il popolo italiano sta per subire, ancora una volta, da una partitocrazia assassina di libertà. 

Basta con questa vergognosa svendita di ogni sovranità, ogni diritto costituzionale, alla Troika, mediante il Trattato di Lisbona, che schiaccia le Costituzioni di ogni paese, relegando la volontà popolare, e le consultazioni europee, al solo ruolo del parlamento continentale, poco più che consultivo. 

Specie i giovani, stanno perdendo la memoria e il valore della libertà, del decidere il destino di casa propria a casa propria. I servi di casa nostra non meritano neppure un commento, una distinzione, una possibilità di riscatto. I partiti che hanno collaborato con gli stranieri devono essere sciolti e i responsabili dei voti parlamentari a favore del peggior colpo di Stato immaginabile, perseguiti a norma di Costituzione. Chi li assolve, chi li rinforza con il consenso, è moralmente se non penalmente, un traditore del Paese. E tanto per essere chiari, ben altro sarebbe la UE se fosse una normalissima e semplice federazione di stati sovrani e liberi.

Prima si libera il Paese, prima si condanna per alto tradimento chi l'ha svenduto alle banche straniere, poi si torna a votare, nel quadro di una Costituzione pienamente vigente. Il resto è ormai roba per mostri e per traditori.

Risultati immagini per costituzione italiana 1948

Nessun commento:

Posta un commento