sabato 13 ottobre 2018

Rage in Stage, zombie alla tedesca

 Mark Sternkiker scrive e dirige questo horror tedesco del 2017, con la complicità di una splendida interprete come Anke Marczynski, Andrea Gielow, Andreas Herig, e Marko Schulz tra gli altri. Un film semi-amatoriale accattivante e gradevole che inizia in un piccolo teatro. Ma la scena si sposta in un tetra prigione da dove tre loschi individui vanno ad incontrare un tizio strafatto. nel tentativo di occultare un pacco di denaro sottratto illegalmente, è entrato in contatto con una sostanza tossica. 

Ben presto, i loschi individui irrompono nel teatro, sotto il quale si estendono i sotterranei di cui sopra e catturano attori e impiegati. Ovviamente il ragazzo intossicato si trasforma ben presto in un dannatissimo morto vivente e iniziano i guai veri.

Il film sembra un fumettone, frenetico e colorato, e comunque diverte sena prendersi troppo sul serio. Non è un capolavoro e neanche una pietra miliare del genere ma se volete divertirvi senza ragionare troppo sulle incongruenze e le limitazioni di un budget evidentemente povero, potete senza dubbio guardarlo.


Specie se l'alternativa sono i quizzoni melensi di Mamma Rai o le interviste ridicole di qualche rete Mediaset. Quello è orrore mano divertente e molto più drammatico, d'accordo, ma diverte meno. 


Risultati immagini per Rage on stage

Nessun commento:

Posta un commento